Molte volte, se si vuole vendere la propria macchina privatamente, per non farsela svalutare eccessivamente dalle offerte davvero insignificanti dei concessionari, bisogna ricorrere ad alcuni stratagemmi. Questi sono volti a cercare di avere più richieste e prezzi offerti più alti.

Prima di tutto bisogna tenere sempre la macchina a posto: manutenzione sempre aggiornata, e per la vendita soprattutto i fattori estetici sono di vitale importanza: al primo posto la carrozzeria. Se la macchina è graffiata o ammaccata la sua quotazione scenderà di molto, inoltre è un fattore a cui anche i profani stanno attenti.

Al secondo posto in ordine di importanza ci sono gli interni, che devono essere integri, puliti lucidati e profumati. inoltre attenzione anche a gomme e motore: molti ci fanno caso. Se avete documenti che attestano la manutenzione mostrateli: sono una garanzia per chi compra e un punto in più a vostro favore.

Se avete appuntamento con qualcuno che sta venendo a vedere la macchina, portatela prima al lavaggio: una macchina lucida su cui ci si può specchiare resta impressa, e cancella molti anni dalla sua carta di circolazione. Mostrate i suoi pregi: consuma poco, è comoda, è piccola, ha un buon motore…

Prima di fissare un appuntamento però l’auto deve essere notata. Perciò lasciatela parcheggiata in zone molto trafficate, zone di passaggio con gli appositi cartelli vendesi accompagnati da numero di telefono. In alternativa usate internet: ci sono centinaia di siti di annunci e il risultato è garantito (io vi consiglio ebay annunci). Inserite foto che valorizzino la vostra auto.

Infine sappiate trattare. Per esempio, se la quotazione della macchina è 6500 euro, ma ha pochissimi kilometri, o impianto a gas.. Chiedete 7000 euro, per poi venire incontro al potenziale acquirente che vorrà che gli andiate incontro, togliendo dal prezzo richiesto qualche centinaio di euro. Puntarsi su un prezzo non serve a nulla.. Anzi indispettirete soltanto chi sarebbe disposto a comprare.