Una delle attività più belle che si possano svolgere è quella del fotoreporter. Lavorare come fotoreporter significa raccontare la realtà attraverso le immagini, significa offrire la propria visione dei fatti, attraverso le foto. Lavorare come fotoreporter significa svolgere una professione a metà tra il giornalista e il fotografo.

Il fotoreporter scatta le foto per raccontare degli eventi e spingere le persone a guardare la realtà nel momento stesso in cui l’evento si sta verificando. Mentre un giornalista utilizza la scrittura per raccontare la notizia, un fotoreporter sceglie come codice comunicativo le immagini, con tutto l’impatto che esse possono avere. Le immagini raccontano per certi versi di meno rispetto alla scrittura, per altri di più.

Per lavorare come fotoreporter non c’è un percorso istituzionale da seguire. Questa è una professione che si basa moltissimo sul talento personale e sulla passione per la fotografia. Un fotoreporter vuole raccontare ciò che vede attraverso uno scatto fotografico.

Per acquisire le competenze tecniche giuste per diventare fotoreporter è possibile frequentare dei master professionali che hanno anche dei costi elevati, ma offrono le basi per comprendere l’arte della fotografia. E’ possibile frequentare scuole superiori ad indirizzo fotografico e corsi di formazione professionale specifici, che insegnino le tecniche base della fotografia.

Per lavorare come fotoreporter è necessario ovviamente avere un’ottima conoscenza degli strumenti di lavoro, che sono la base per ogni forma espressiva.

Il fotoreporter è un professionista delle immagini che non vive passivamente la realtà, ma cerca di raccontarla in maniera il più obiettiva possibile, filtrandola attraverso le immagini che scatta.

Il fotoreporter può ovviamente lavorare in vari ambienti e dedicandosi a diversi settori. Il mestiere più duro e difficile è legato ai fotoreporter di guerra, che rischiano la vota per offrire informazione alle persone.

Ma quali sono le attività del fotoreporter? Lavorare come fotoreporter significa scattare foto di avvenimenti politici, realizzare fotografie per pubblicazioni, realizza documentazioni fotografiche per archivi. Il fotoreporter si può occupare di qualsiasi ambito. E’ un esperto di fotografia, in grado di effettuare ingrandimenti e riduzioni di foto e diapositive. E’ in grado di effettuare fotoritocco e sa gestire bene anche i contatti con editori e case editrici.

Si tratta di un lavoro estremamente stimolante e mai nuovo che richiede abilità nel saper cogliere i momenti giusti.

Uno dei più famosi fotoreporter della storia è stato Robert Capa, che ha documentato moltissimi eventi in varie parti del mondo. Sviluppare la capacità di raccontare la vita tramite la fotografia è un abilità che richiede alte doti di creatività e di sensibilità.

Lavorare come fotoreporter significa svolgere un’attività che mutevole e che offre la possibilità di esprimersi nella maniera più elevata possibile.

L’attività del fotoreporter si svolge nei luoghi più svariati: conferenze, stadi, centri urbani e situazioni di guerra.

Quella del fotoreporter è un’attività assimilabile a quella del giornalista ma che utilizza uno strumento diverso: la fotografia. Ogni strumento ha i suoi codici: saper utilizzare bene le immagini significa saper immortalare con un solo scatto, tutto un mondo che si vuole raccontare.