Se l’invio di un semplice curriculum o una lettera di presentazione via mail o via posta ci preoccupa non poco, figuriamoci un colloquio di lavoro con un responsabile o con un datore di lavoro. Spesso e volentieri incontri simili ci portano ansia.

Prima di tutto, anche per un colloquio di lavoro dobbiamo presentarci in modo serio e professionale. Per lasciare una buona impressione al responsabile o al probabile futuro datore di lavoro, dobbiamo seguire delle precise e semplici regole. La prima regola è, se non lo abbiamo già fatto, scrivere un buon curriculum con le nostre competenze e esperienze di lavoro.

Altro consiglio fondamentale è l’abito. Presentarci eleganti in un ambiente di lavoro, anche non del tutto formale, ci aiuterà non poco. Il nostro vestire elegante lascia al datore di lavoro, ai responsabili, ai futuri colleghi, alla società una buona impressione di noi. Rappresenta in loro parte della nostra serietà e professionalità.

Oltre al vestire e portare con noi tutta la documentazione necessaria, facciamo anche molta attenzione a non lasciare nulla al caso, dimostriamo di essere molto precisi. Prima di arrivare al colloquio, da casa prepariamo una lista di probabili domande da presentare ai rappresentanti o al datore di lavoro potenziale. Prepariamo anche una serie di risposte precise da fornire a probabili domande poste dal privato o dalla società in questione. Può essere utile questa guida sulle domande del colloquio di lavoro sul sito Colloquiodilavoro.net. Facciamo esercitazione nel chiedere e rispondere in modo chiaro e preciso.

Inoltre, nel colloquio di lavoro dimostriamoci molto interessati alla posizione di lavoro, chiediamo e rispondiamo, come già detto, ma non solo. Nella maggior parte delle risposte fornite in seguito alle nostre domande, ricordiamoci sempre di ringraziare con un sorriso sulle labbra. Dimostriamo la nostra serietà e al contempo la nostra gentilezza. Durante il discorso, annuiamo in segno di assenso, confermeremo il nostro interesse.